Ancora dure condanne per usura: anche in questo caso determinante la denuncia

usura_01

La seconda sezione penale del Tribunale di Foggia, presieduta dalla Dott.ssa Maria Mancini, ha condannato per il reato di usura ed in concorso tra loro, A.P. a tre anni di reclusione ed interdizione dai pubblici uffici e M.D. a due anni ed otto mesi di reclusione.

L’esito del processo testimonia ancora una volta l’importanza della denuncia da parte delle vittime, che ha consentito alle forze dell’ordine ed all’autorità giudiziaria, cui va il nostro più sentito apprezzamento per il prezioso servizio reso alla collettività, di individuare gli autori del reato e di giungere celermente alla conclusione del processo con la condanna degli imputati alle pene di giustizia. In altre parole, quando le vittime collaborano, lo Stato risponde.

Anche in questa occasione la Fondazione antiusura Buon Samaritano, rappresentata dall’avv. Valentina Dinisi, non ha esitato a costituirsi parte civile nel procedimento penale, al fine di tutelare e sostenere la vittima fin dentro le aule del tribunale e soprattutto per sancire il primato di un diritto costituzionale, la salvaguardia della dignità dell’uomo nella sua dimensione sociale.

Le vittime, due piccoli imprenditori lucerini: il primo, a fronte di un prestito di 3.000,00 €, era costretto a corrispondere quote di interessi di 500,00 € al mese, corrispondente ad interessi del 200% annuo. Il secondo, a fronte di un prestito di soli 1.000,00 €, si è trovato costretto a corrispondere interessi del 120% annuo. Episodi che dimostrano ancora una volta la gravità del reato di usura, che fa leva sulla disperazione delle persone in difficoltà, imponendo loro condizioni che hanno come unica finalità quella di spogliarle di ogni loro avere, a partire dalla dignità. A seguito della denuncia, le due vittima di usura sono ritornate ad essere persone libere, riprendendo con dignità e serenità la loro attività lavorativa e la vita di ogni giorno.

 

Il presidente

Pippo Cavaliere